Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F88-spettacoli%2Fincontri-dibattiti%2F1030-mercoledi-5-agosto-assemblea-pubblica-spettacolo-teatrale-qla-terra-delle-arance-tristiq%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Agosto
02
2014

Martedì 5 agosto: Assemblea pubblica + Spettacolo teatrale "La terra delle arance tristi"

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

Ore 18.00: Assemblea pubblica del Comitato "Reggio con la Palestina"

Le diverse e partecipate iniziative tenutesi negli ultimi giorni per manifestare solidarietà al popolo palestinese contro la violenta aggressione sionista, hanno reso evidente che a Reggio Calabria esiste ed è diffusa una profonda sensibilità verso la causa palestinese e il dramma di un intero popolo. Una sensibilità figlia delle cruente immagini e dei drammatici bollettini di guerra che circolano - purtroppo quasi solamente - tra i social network , ma figlia anche delle tante iniziative tenutesi negli anni nelle piazze, nelle scuole e negli spazi sociali della nostra città per informare su quello che è il tentativo di sterminio di un popolo e la storia della sua lunghissima Resistenza.

Soprattutto durante l’assemblea pubblica tenutasi sabato 26 luglio al Museo dello Strumento Musicale, in occasione della Giornata di mobilitazione nazionale contro l'aggressione militare e l'assedio di Gaza, si è avuto modo di ragionare con più attenzione rispetto a “come possiamo fare qualcosa di più”, e diverse sono state le idee e le proposte, da una campagna di boicottaggio dell’economia israeliana al sostegno alle iniziative solidali che si stanno promuovendo in Italia, come ad esempio la raccolta di farmaci da far arrivare a Gaza, dall’incrementare le iniziative per informare, a fronte di una disinformazione di regime, sulla situazione mediorientale e sugli interessi e i coinvolgimenti dello stesso stato italiano per un territorio che ci sembra lontano ma che ci vede attori protagonisti.

Tutte proposte valide e interessanti, ma che per essere portate avanti hanno bisogno di coordinamento e organizzazione: per questo abbiamo deciso di costituirci in comitato, in modo da dare gambe a queste idee e dare protagonismo a chi sente la necessità di impegnarsi contro il genocidio palestinese.

Mentre i media continuano a dare una lettura di parte, quella israeliana, danno spazio a quelle espressioni che, spacciandosi per filo palestinesi, danno solo sfogo al loro antisemitismo. Per questo siamo costretti a specificare che il comitato, cui si può aderire e partecipare solo a titolo individuale, è contro ogni forma di razzismo e di presunta superiorità di un popolo rispetto a un altro, dovuta all’etnia, alla religione o a qualsiasi altro fattore: noi non abbiamo nulla contro gli ebrei in quanto tali, ma siamo assolutamente contro il sionismo, l’ideologia che inspira il governo israeliano e che tanto ricorda fascismo e nazismo.

Ore 21.00: Cena-spettacolo "La terra delle arance tristi"

Liberamente tratto da un racconto di G. Kanafani
Adattamento e regia Patrizia Di Martino
Con Omar Suleiman

Note di regia:
Un'atmosfera calda e familiare accoglierà il pubblico con musica, profumi di spezie e narghilè.
Il pubblico è invitato a salire sul palco per far parte del racconto.
Un racconto dove le emozioni si mischiano alle parole dure del protagonista, alla realtà dei fatti, e al cibo.
Cibo che sarà offerto al pubblico come segno di condivisione, familiarità, appartenenza, ospitalità.
Nessuna costrizione, nessuna invasione, nessun giudizio, solo partecipazione.
Vogliamo raccontarvi una storia, con la semplicità di come se fossimo nel salotto di una delle vostre case, o di come se fossimo tutti seduti attorno al fuoco…
ad ascoltare chi ha da narrare.

L'iniziativa fa parte dell'edizione 2014 della rassegna "I popoli che resistono", l'ormai consueta iniziativa del Centro di documentazione INVICTAPALESTINA, che quest'anno valica i confini di Pentone (CZ), il piccolo paese della presila Catanzarese, per diventare Calabria Tour, manifestazione itinerante che durante il mese di Agosto porterà musica, teatro, dibattiti, mostre, nelle città di Diamante, Lamezia, Serra San Bruno, Taverna, Reggio Calabria.

Visita il sito di INVICTAPALESTINA per maggiori info!