Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F88-spettacoli%2Fincontri-dibattiti%2F592-il-coordinamento-bruno-arcuri-presenta-una-mozione-per-la-ripubblicizzazione-dei-servizi-idrici%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Giugno
26
2011

Il Coordinamento Bruno Arcuri presenta una mozione per la ripubblicizzazione dei servizi idrici

Scritto da Coordinamento calabrese Acqua Pubblica "Bruno Arcuri"

Martedì 28 giugno, alle 11.30, nella Sala "Giuditta Levato" del Consiglio Regionale della Calabria, si terrà una conferenza stampa indetta dal Coordinamento calabrese Acqua Pubblica "Bruno Arcuri", per presentare una mozione finalizzata all'accoglimento del risultato dei referendum del 12 e 13 giugno, con il quale il popolo italiano si è espresso per una gestione dell'acqua pubblica e partecipata.

Nel corso della conferenza stampa tutti i consiglieri regionali saranno invitati a far propria la mozione e presentarla in Consiglio, e si chiederà a tutti gli amministratori locali di sostenerla, contribuendo così al percorso che condurrà ad un’effettiva ripubblicizzazione del servizio idrico nella nostra regione.

Come nel resto d’Italia, anche in Calabria la maggioranza assoluta dei cittadini si è recata alle urne esprimendosi, con una percentuale superiore al 98%, a favore della gestione pubblica e partecipata, e contro la realizzazione di profitti sulle nostre acque. La politica ha il dovere di raccogliere queste istanze e portare avanti con determinazione tutte le azioni necessarie per giungere nel più breve tempo possibile alla completa ripubblicizzazione del servizio idrico calabrese.