Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F70-spettacoli%2Fteatro%2F1034-lunedi-25-agosto-cena-sociale-spettacolo-teatrale-qin-ginocchioq%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Agosto
23
2014

Lunedì 25 agosto cena sociale + spettacolo teatrale "In ginocchio"

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

Ore 20.00 Cena sociale - Ore 21.30 IN GINOCCHIO storie di mafia

Ore 20.00: cena sociale benefit ricostruzione del Cartella. Si invita a prenotare la partecipazione scrivendo a contatta@csoacartella.org

Ore 21.00: IN GINOCCHIO storie di mafia
Scritto ed interpretato da Luca PRIVITERA e Elena FERRETTI
Regia Sergio LO VERDE
UltimoTeatro Produzioni Incivili

Le credenze! La morte! La povertà! Il rancore! La santità! La ricchezza! La crudeltà! Il sangue! La quotidianità! L’abbandono!

Un uomo ed una donna, la loro storia.

Lui sconta il 41 bis, è un killer di mafiosi perché ha deciso di farsi giustizia da solo. Dialoga con la sua rabbia deridendo le follie e le assurdità che portano molte persone a diventare mafiose, a sfruttare il proprio potere e la propria posizione di privilegio per ingannare il prossimo. Oramai stanco di quello che succedeva intorno a lui, nella sua terra, tra la sua gente, invece di migrare come in molti decide di fare piazza pulita intorno a se. Fa parte del popolo, probabilmente un mafioso inconsapevole.

Lei sconta il 416 bis ed è una delle tante mogli della mafia, parla della mafiosità, del sistema mafioso, della famiglia, dei codici d’onore. Interroga il mondo ma soprattutto se stessa sulla perdita di ogni senso e di umanità. Non è una pentita, anche se potrebbe sembrare. E’ un’illusa, una fragilità ingenua catturata dal concetto dei robinhood, dagli eroi, del sud malfamato ed ignorante dove si ruba ad i ricchi e si pensa alla salvazione dei poveri. Una donna semplice, in un certo senso ricca.

Entrambe chiusi in una cella, dialogano con un’ipotetico giudice. Un intreccio di due storie che vanno di pari passo sino a diventare un’unica storia. La storia di due dimenticati a cui è stato rubato tutto, anche la dignità.

Dove la vita ha insegnato loro cos’è la vendetta.

Per leggere qualche commento o recensione sullo spettacolo, cliccate nel link http://act-theatret.blogspot.it/2013/12/commenti-sullo-spettacolo-in-ginocchio.html