Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F70-spettacoli%2Fteatro%2F397-lunedi-28-dicembre-ore-1930-a-calabria-ea-morta%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Dicembre
25
2009

Lunedì 28 dicembre ore 19.30 - `A CALABRIA E´ MORTA

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

`A CALABRIA E´ MORTA
di Ernesto Orrico

Presentazione + Performance

Un´idea della Calabria e del Mezzogiorno, un progetto culturale, uno spettacolo teatrale. E un libro. Tutto questo è `A Calabria è morta (Round Robin Editrice, 40 pagine, 5 euro), il nuovo libro di Ernesto Orrico che inaugura Corsari, la collana tascabile sui nuovi modi per raccontare il Sud diretta da Danilo Chirico.

L´attore e autore cosentino Ernesto Orrico presenterà  il suo nuovo lavoro a Reggio Calabria lunedì 28 dicembre alle 19.30 al CSOA Cartella. Nel corso dell´incontro-performance discuteranno con l´autore Francesca Tortorella (CSOA Cartella), Roberto Romeo (Gruppo Zero), e il giornalista e direttore della collana Danilo Chirico (daSud Onlus).

`A Calabria è morta è uno sfogo monologante sulla miseria di una regione massacrata. Un arrovellare dadaista sulla malattia di questa terra: la Calabria o l'Italia? Sulle sue infezioni incurabili. Un testo aperto ai cambiamenti climatici e agli assestamenti sismici, in cui stili diversi si inseguono in un discorso frammentato, sghembo, irrisolto e s-ragionante. Una Calabria che chiama l'Europa (non senza puntare al Sogno Americano) - eredità dei nostri nonni - sì ma stavolta con dignità , perché ora sappiamo le lingue, abbiamo lauree e specializzazioni! Capotoste ancora, noi mafiosi e muti all'occorrenza, ancora scuri, dai tratti duri e le mani forti, che l'evoluzione e il meltin'pot ce l'abbiamo pure noi, con i nostri confini permeabili. La prefazione è del prof. Daniele Gambarara, la postfazione di Lucia Grillo. `A Calabria é morta è anche uno spettacolo teatrale che Ernesto Orrico sta portando in scena da un anno con grande successo.

Ernesto Orrico, attore e autore teatrale, nato a Cosenza nel 1973. Ha fatto parte di Teatro Rossosimona e dal 2003 collabora con il Teatro della Ginestra. Ha firmato le regie degli spettacoli: Ronaldo il pagliaccio del McDonalds, Hamlet Cuts, I Prefer Not To, Jennu brigannu - storie di briganti calabresi e I sette contro Tebe. E'ˆ uno dei protagonisti dello spettacolo U tingiutu - un Aiace di Calabria, diretto da Dario De Luca (Scena Verticale). Ha curato il libro "Nuovo Teatro Calabria", Le Nuvole editore (2008).

Corsari è una collana (diretta da Danilo Chirico) fuori dai generi che va alla ricerca "del racconto autentico del Sud". E´ uno spazio inedito per "per costruire un modo di pensare e praticare Sud. E'ˆ un progetto culturale "fondato sul gusto del blitz creativo", sull´impegno civile e intellettuale, sulla curiosità . "E' un luogo - si legge nella presentazione di Danilo Chirico - di scritti irregolari e irrituali. E'ˆ il ritratto incompleto di storie e persone, di luoghi e luoghi comuni". E' un percorso artistico alla ricerca di "contraddizioni da sollevare, buchi da riempire, immaginari da scovare, padrini da rovesciare, meccanismi da scardinare". E´ uno strumento per discutere del Mezzogiorno. Il nome Corsari è naturalmente un omaggio a Pier Paolo Pasolini. Il progetto è anche un blog e un indirizzo email aperti a proposte e idee. Il secondo titolo della collana, già in libreria, è Cantastorie di Nino Racco.

Round Robin Editrice nasce a Roma nell'autunno del 2004 con l'idea di costituire un nuovo soggetto indipendente in grado di entrare nel mondo dell'informazione, con un giornale on line e dell´editoria con la pubblicazioni di romanzi e saggi di nuovi autori italiani e stranieri. Grazie alla produzione di un catalogo di grande qualità con titoli di narrativa, saggistica e graphic novel, si sta affermando come una delle più originali e interessanti realtà editoriali del Paese. Con il fumetto "Don Peppe Diana - Per amore del mio popolo" ha vinto il Premio Siani 2009.