Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F70-spettacoli%2Fteatro%2F938-al-cartella-le-ali-dipinte-blues-on-16%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Luglio
02
2013

Al Cartella LE ALI DIPINTE + BLUES IN 16

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

Venerdì 5 luglio al Cartella cultura al femminile
con “Le ali dipinte” di Simona Musolino
e “Blues in 16” di Maria Marino

Il 5 luglio al c.s.o.a. Cartella doppio appuntamento all’insegna della cultura al femminile.

Alle 18.30 la scrittrice Simona Musolino presenterà il suo primo libro “Le ali dipinte”. Il volume, edito da Sensibili alle Foglie, racconta la storia di vita di una donna che non accetta di appartenere ad altri che a sé, e del suo cammino, irto di ingiustizie e violenze, in cerca di dignità. Condannata all'esclusione sociale in quanto donna, migrante e povera, vive esperienze di marginalità a causa dell'ottusità e della violenza del mondo della scuola e del lavoro, ma anche della famiglia e dei gruppi sociali.

Dopo un ricco apericena sarà l’attrice reggina Maria Marino ad avvicendarsi sul palco del Cartella per presentare “Blues in 16, ballata della città dolente”, spettacolo teatrale da lei diretto e interpretato. Nonostante la giovane età, Maria vanta già diverse collaborazioni importanti con artisti di fama del palcoscenico nazionale. Per l’occasione la vedremo alle prese con frammenti tratti da un testo omonimo di Stefano Benni, una stesura ispirata da un fatto di cronaca, intrisa di poetica e di resoconti urbani. Dall’odore di strada, di notte, di fumi, nebbie, storie incredibili, sotterranee. Voci da quel sottostrato pulsante, quell’underground così snobbato dai benpensanti ma così carico e ricco di umanità, di vita, di verità.