Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F65-comunicati%2Fsolidarieta-internazionale%2F1301-la-situazione-a-idomeni-peggiora-di-giorno-in-giorno-sosteniamo-il-progetto-calabriaxidomeni%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Aprile
30
2016

La situazione a Idomeni peggiora di giorno in giorno: sosteniamo il progetto CalabriaXidomeni!

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

Negli ultimi giorni la situazione a Idomeni pare essere sensibilmente mutata rispetto ad una settimana fa. Diverse testimonianze, comprese quelle dei volontari calabresi impegnati a portare ai profughi gli aiuti raccolti nella nostra regione, ci riportano frammenti di un quadro in evoluzione. Le abbondanti piogge abbattutesi sul campo al confine tra Grecia e Macedonia nei giorni scorsi hanno determinato la distruzione di parte delle tende in cui si accampavano i migranti. Inoltre, la polizia greca sta ‘invitando’ le circa diecimila persone presenti a Idomeni ad abbandonare il campo, dato che le speranze di oltrepassare il confine macedone e raggiungere l’Europa centro-settentrionale diminuiscono giorno dopo giorno. Le forze dell’ordine e le autorità greche stanno allo stesso tempo intimando ai migranti di dirigersi verso i campi governativi militarizzati (Neokavala, Katerini e Diavata) ai quali, tra l’altro, è interdetto l’accesso ai volontari, eccezion fatta per alcune Ong riconosciute dal governo greco.

 

Non è possibile prevedere con certezza come lo scenario evolverà nelle prossime ore: se i migranti lasceranno spontaneamente Idomeni per spostarsi negli altri campi, quanti riusciranno a ricongiungersi ai familiari già presenti in Europa e quanti saranno coattivamente rimpatriati nonostante l’alta percentuale di curdi siriani provenienti da una Siria ancora dilaniata dalla guerra.

Non sarà  forse inutile ricordare, inoltre, che l’unico mezzo a disposizione dei profughi per inoltrare le richieste di protezione internazionale è Skype: ma le precarie condizioni del campo, l’esiguità della copertura wi-fi e le poche ore settimanali in cui è consentito provare a contattare l’ufficio di Salonicco rendono impossibile l’esercizio di questo diritto.

Data la situazione, al momento la raccolta di aiuti e beni di prima necessità per la quale vi avevamo sollecitato nelle scorse settimane e che ha visto una grande partecipazione solidale nei nostri territori è sospesa in attesa di conoscere il futuro del campo e dei migranti. Per questioni logistiche, è invece attivo un c/c aperto dai volontari calabresi presenti a Idomeni e al quale si farà ricorso per venire incontro alle necessità dei migranti bloccati in Grecia, per consentire una migliore e più rapida distribuzione e per abbattere i costi.  Il numero di c/c sul quale è possibile effettuare le donazioni è:

POSTEPAY N.: 5333171023350644
IBAN: IT30Z0760105138227767227772
INTESTATO A: CIRO PALOMA
CAUSALE: calabriaXidomeni

Potete seguire i resoconti dei volontari direttamente sulla pagina facebook CalabriaXidomeni: noi continueremo comunque ad aggiornare sugli sviluppi di questa drammatica vicenda.

Co.S.Mi. - Comitato Solidarietà Migranti