Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F99-comunicati%2Freddito-e-lavoro%2F1110-sabato-22-agosto-tutte-i-al-porto-di-gioia-tauro%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Agosto
20
2015

Sabato 22 agosto tutte/i al porto di Gioia Tauro

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

Per la dignitá dei lavoratori e delle loro famiglie
Per un futuro sostenibile del porto

Il Coordinamento Portuali SUL Gioia Tauro ha indetto per la giornata di sabato 22 agosto uno sciopero di 24 ore per rilanciare l’attenzione sulla situazione del Porto di Gioia Tauro che, nonostante roboanti proclami, sta vedendo progressivamente diminuire le attività che lo avevano portato ad essere il primo porto del Mediterraneo. Per la stessa giornata il sindacato autonomo, il più rappresentativo all’interno del porto, ha indetto una manifestazione per le ore 11.00, davanti all’ingresso dell’infrastruttura gioiese, alla quale ha invitato le varie forze sociali, politiche e sindacali per un confronto su quella che è una partita fondamentale per la Calabria tutta.

Non è solo la doverosa solidarietà alle 350 famiglie dei lavoratori in cassa integrazione che ci spinge a rilanciare questo appello, non è solo perché nella situazione attuale si sta perdendo ogni speranza di restituire il lavoro perso. Questo appello lo vogliamo rilanciare perché condividiamo le preoccupazioni rispetto al futuro della struttura, sottomessa da vent’anni di monopolio del terminalista MCT e piegata dalla mono-attività cui è costretta: non può esserci un futuro dignitoso e sostenibile proseguendo sulla strada del solo transhipment!

Quando diciamo questo, naturalmente non pensiamo né a opere scellerate come il rigassificatore né alla ZES, che ha tanti e tali sponsor da farci mettere istintivamente sulla difensiva. Riteniamo fondamentale che le attività del porto siano aperte sia verso uno sviluppo intermodale, sia diversificando le attività all’interno del porto, favorendo l’ingresso a nuovi progetti e nuove energie. Un reale collegamento alla rete ferroviaria e una implementazione delle attività con un servizio di traghetto per mezzi pesanti che potrebbe alleggerire il traffico nello Stretto, probabilmente aprirebbero reali e percorribili prospettive per l’intera provincia.

Le potenzialità del porto sono enormi, sta a tutte e tutti noi lottare affinché non si perda l’ennesima opportunità per questa terra. Continuiamo a farlo sabato 22 agosto, al fianco del SUL.

c.s.o.a. Angelina Cartella
c.s.c. Nuvola Rossa
Collettivo UniRC