Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F99-comunicati%2Freddito-e-lavoro%2F548-il-28-gennaio-tuttei-a-vibo-marina%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Gennaio
26
2011

Il 28 gennaio tutte/i a Vibo Marina

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

Anche da Reggio Calabria partiranno dei pullman gratuiti per la manifestazione di Vibo Marina: per info e prenotazioni puoi contattare anche noi!

Il 28 gennaio è una giornata importante: lo sciopero nazionale dei metalmeccanici indetto dalla Fiom, ed esteso a tutte le categorie dai Cobas e da altri sindacati di base, è un'occasione per allargare lo sciopero a livello generale.

Non si può ignorare la lezione di dignità delle operaie e degli operai che, a Pomigliano prima e Mirafiori dopo, hanno votato No al ricatto Marchionne con percentuali che nessuno si aspettava, nonostante le minacce e i diktat che invece hanno subito piegato gran parte di partiti e sindacati. Quei No ci dicono che è possibile resistere a chi oggi, in nome della crisi, vorrebbe eliminare diritti e garanzie per trasformarci in schiavi.

Ma la giornata del 28 gennaio non è importante solo per far capire ai “padroni” che pensare di generalizzare nel resto d’Italia il modello Marchionne non sarà cosa facile, ma è un’occasione da non mancare verso una ricomposizione di tutte quelle esperienze, spesso autorganizzate e di base, che nei vari territori rappresentano importanti Resistenze alla crisi e al modello di sviluppo imperante: dagli studenti agli immigrati, da chi lotta per difendere il suo posto di lavoro a chi invece per salvaguardare salute e ambiente!

Noi il 28 saremo a Vibo Marina, davanti ai cancelli del Nuovo Pignone, dove la Fiom regionale ha indetto l’appuntamento calabrese: ci saremo con i nostri contenuti, con il nostro percorso, al fianco dei lavoratori e di chi resiste, per costruire insieme un futuro migliore!