Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F104-comunicati%2Fvarie%2F1282-nota-del-comitato-el-puente-per-carlo%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Dicembre
23
2015

Nota del Comitato “El Puente per Carlo”

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

IL CASO DI CARLO IANNUZZI REGISTRA UNA FALLA DI SISTEMA. INTANTO, AMICI E COMPAGNI SI ORGANIZZANO NEL COMITATO “EL PUENTE PER CARLO” E LANCIANO UNA CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI. IN PROGRAMMA DIVERSE ATTIVITÀ ED INIZIATIVE SU SCALA REGIONALE E NAZIONALE

*** Interpellati il Consiglio Regionale della Calabria, con il suo Ufficio di Presidenza, alcuni consiglieri e assessori della Giunta Oliverio; sappiamo di contatti attivati coi ministeri Esteri e Sanità anche attraverso i canali diplomatici di Consolato e Ambasciata ***

*** ATTENDIAMO RISPOSTE CONCRETE E ATTI AMMINISTRATIVI RISOLUTIVI ***

L’evento delittuoso in cui è rimasto coinvolto Carlo Iannuzzi evidenzia una falla di sistema. Ci chiediamo come sia possibile che per un cittadino italiano vittima di un tentato omicidio a scopo rapina per le vie di Buenos Aires e ricoverato in condizioni critiche all’Hospital Italiano non esista una procedura politico-istituzionale capace di garantire il diritto alla salute e alla cura. Ad oggi non sono stati prodotti atti amministrativi con cui le istituzioni prendano posizione sul caso al fine di avviare un iter risolutivo. Il Comitato “El Puente per Carlo” si è costituito per sopperire a tali lacune e perciò ha avviato una campagna di raccolta fondi per le prestazioni mediche di cui Carlo ha bisogno. Sappiamo che, anche attraverso i canali diplomatici del Consolato generale d’Italia e dell’Ambasciata d’Italia, il caso Iannuzzi è stato portato a conoscenza del ministero degli Esteri e di quello della Sanità. Il Comitato, da parte sua, ha interpellato il presidente del consiglio regionale della Calabria, Nicola Irto, e alcuni assessori della Giunta Oliverio dopo che il Consolato ha inviato una comunicazione al dipartimento Salute della Regione per informare sull’accadimento. E sempre dall’estero gli uffici dell’Ambasciata hanno attivato alcuni contatti con la deputazione italiana eletta in Argentina. Il Comitato attende delle risposte, e soprattutto degli atti. A fronte di questo silenzio e di questa attesa a Roccella Jonica, nel paese di Carlo, la mobilitazione dei cittadini e delle associazioni è massiva e anche l’Amministrazione comunale si è detta pronta a intervenire coi propri mezzi per affrontare le necessità che la situazione comporta.

E proprio nei giorni scorsi è partita una campagna di raccolta fondi a sostegno della causa:

APPELLO: Nella notte tra il 26 e 27 novembre 2015 il giovane calabrese Carlo Iannuzzi (29 anni) è stato vittima di un tentato omicidio a scopo rapina per le vie di Buenos Aires. Adesso è ricoverato all’Hospital Italiano, una clinica privata perché gli ospedali statali non sono sufficientemente attrezzati per affrontare il suo caso. Le condizioni restano critiche. Dopo un intervento di craniotomia (rimozione di parte dell’osso cranico per far drenare il sangue), Carlo non è ancora un soggetto autonomo. Ad oggi l’assistenza sanitaria a un cittadino colpito da un fatto grave ed eccezionale NON È GARANTITA. Nel suo paese, a Roccella Jonica, è nato il Comitato "El Puente per Carlo" con lo scopo di raccogliere fondi per le cure mediche e per rivendicare, presso tutte le Istituzioni pubbliche a vario livello organizzato sul territorio nazionale e regionale, il legittimo esercizio del diritto alla salute.

 

INVITIAMO TUTTI A SOSTENERE QUESTA IMPORTANTE INIZIATIVA – Come?

Donazione con bollettino postale: 
C/C n. 001030553497 - Intestato a: El Puente per Carlo - Causale: Donazione;

Donazione con bonifico bancario:
Iban: IT04E0760116300001030553497 - intestato a : El Puente per Carlo (Poste Italiane Spa) - Causale: Donazione

Per info e aggiornamenti basta consultare la Pagina Facebook del Comitato