Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F104-comunicati%2Fvarie%2F892-solidali-e-complici-con-i-14-denunciati-per-il-blocco-dei-treni-alla-stazione-di-rossano%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Gennaio
17
2013

Solidali e complici con i 14 denunciati per il blocco dei treni alla stazione di Rossano

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

I veri colpevoli sono chi ha tagliato treni e servizi nella nostra regione!

Dalle notizie di stampa di oggi apprendiamo che 14 persone sono state denunciate per “interruzione di pubblico servizio”, in seguito alla manifestazione pacifica tenutasi a Rossano il 15 settembre 2012 per protestare contro la soppressione dei treni sulla tratta jonica.

In particolare i 14 sono accusati di aver tenuto bloccato per quasi due ore il treno Sibari-Crotone. Una manifestazione di certo forte, ma che aveva l’obiettivo di rompere il silenzio che ha accompagnato il progressivo taglio di tantissimi treni, dai locali a quelli a lunga percorrenza. È emblematico infatti che nelle due ore di blocco soltanto un treno abbia percorso quella tratta, a significare il grave isolamento in cui versano quei territori. Bisognerebbe interrogarsi di quale “pubblico servizio” si tratti, e soprattutto chi è il vero colpevole di “interruzione”:  chi era su quei binari o chi quei binari li ha resi inutili, tagliando “pubblici servizi” in nome della quadratura dei bilanci.

Ma a farci indignare non sono solo le denunce in se, ma anche la modalità con cui sono state comunicate dalla questura cosentina: una velina stampa con i nomi delle associazioni e dei comitati “cattivi”, senza che nessuna notifica arrivasse ad alcuno. Una modalità che sa più di minaccia, di intimidazione a chi pensa di poter costruire una Calabria diversa, dal basso, che garantisca servizi e non privilegi.

Non possiamo che essere al fianco dei 14 denunciati e delle realtà coinvolte, che siamo certi non solo non si faranno intimidire, ma saranno pronte a rilanciare già nel corso della conferenza stampa che hanno convocato per domani 18 gennaio presso la sede del movimento “Terra e Popolo”.

Dall’area dello Stretto, che sa molto bene cosa significhi il taglio di treni, navi e servizi in nome di quella bestialità chiamata Ponte, manifestiamo tutta la nostra solidarietà e complicità.

c.s.o.a. Angelina Cartella
c.s.c. Nuvola Rossa
Collettivo Unirc - AteneinRivolta