Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F74-g-a-s-felce-mirtillo%2Fdocumenti%2F144-appello-per-euroconfezioni%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Dicembre
29
2007

Appello per Euroconfezioni

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

mutuosoccorso

Da una vallata del Sud che resiste
un appello per una grande solidarietà

Nella Vallata del Gallico, subito a ridosso di Reggio Calabria, è da anni che si sono sviluppate diverse realtà politiche, sociali e produttive, significative e incisive sul territorio e determinanti anche su aree più vaste. Qui è nato il C.S.O.A. "Angelina Cartella", protagonista della lotta contro il ponte sullo Stretto di Messina; qui è nato il movimento popolare "La Cartiera" contro un impianto di smaltimento di rifiuti solidi urbani della portata di 85.000 tonnellate all'anno; qui gravita il gruppo "Aspromonte Liberamente" che sta lottando per la riconversione di una ex base militare americana in laboratorio per l'educazione ambientale; qui è nato il Gruppo di acquisto solidale "Felce e Mirtillo".

Qui per 17 anni la cooperativa tessile "Euroconfezioni" ha garantito formazione, lavoro e reddito per molte donne, che hanno costruito il loro progetto di vita. È una tra le poche realtà produttive della provincia di Reggio Calabria che è riuscita ad assicurare un'attività dignitosa, in controtendenza rispetto all'ipersfruttamento e al lavoro in nero.

Nella notte tra il 24 e il 25 dicembre 2007 tutto questo è stato spazzato via da un incendio accidentale, che ha distrutto i macchinari, la sede ed i depositi di materiali, lasciando un cumulo di macerie fumanti, pavimenti divelti, muri devastati e ammassi informi di tutto quello che conteneva la fabbrica.

La Cooperativa Euroconfezioni è da anni impegnata ad affermare il bisogno ed il diritto ad un lavoro dignitoso ed un reddito per le donne del Sud, una realtà in cui la mafia e la malapolitica escludono dai circuiti sociali e occupazionali tutti i soggetti che non si prestano alle loro logiche. Questo Sud è stato ulteriormente devastato dal mercato neoliberalista che vi ha imposto l'estremo sfruttamento dei tempi di vita, di flessibilità di salario ed orario, realizzando enormi profitti sulla pelle di lavoratori sempre meno garantiti.

Per noi, realtà sociali e politiche impegnate nella costruzione di un mondo migliore, la Cooperativa Euroconfezioni è esempio e riferimento concreto da difendere e sostenere.

È per questo motivo che il C.S.O.A. "Angelina Cartella", l'Associazione "Aspromonte Liberamente", la "Cartiera" della Vallata del Gallico, il Movimento per la Difesa del Territorio, il Coordinamento "No Ponte", Equo Sud, il G.A.S. "Felce e Mirtillo", le Autoproduzioni Appese, il "Coordinamento reggino per il diritto all'acqua"

LANCIANO UN APPELLO

a sostegno della Cooperativa Tessile "Euroconfezioni", così duramente colpita da questo gravissimo incidente che ne ha minato le capacità produttive.

Noi, realtà di movimento siamo testimoni che la Euroconfezioni ha sempre offerto piena disponibilità a sostenere le nostre iniziative mediante la realizzazione di magliette, felpe, striscioni, gadgets ed altro.

Per la dignità del lavoro e per supportare il percorso di ripresa della cooperativa, per il reddito di queste 36 famiglie, chiediamo a tutte le realtà di impegnarsi a sostenere la Euroconfezioni, offrendole opportunità di ricostruire i laboratori e assumendo il ruolo di soggetti facilitatori per farle ottenere lavori e commesse.

Facciamo appello per l'istituzione di un fondo di solidarietà per queste lavoratrici, al fine di garantire la ripresa di una vita dignitosa fino al ripristino dei cicli produttivi, convinti che questa esperienza sia parte integrante di un progetto di resistenza condiviso.

Per questo motivo, a fronte della gravità della situazione, invitiamo tutte e tutti ad un incontro pubblico, che si terrà presso il C.S.O.A. Cartella domenica 30 dicembre alle ore 18.00, per socializzare questa splendida esperienza e sostenerne l'immediata ripresa.

Per contatti a favore della cooperativa Euroconfezioni:
e-mail: euroconf@libero.it
tel. cell.: 349 4049055