Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F73-g-a-s-felce-mirtillo%2Finiziative%2F186-la-fiera-di-marzo%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Marzo
18
2008

La Fiera di marzo

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

Filiera che separa il produttore dal consumatore più “corta” possibile, qualità dei prodotti e qualità delle relazioni sociali che li presuppongono, tracciabilità del prodotto e del prezzo: questi sono solo alcuni degli obiettivi che si prefigge la Fiera delle Autoproduzioni Naturali.

Domenica 30 marzo, presso il Parco “Angelina Cartella” in Via Quarnaro I a Gallico, dalle ore 10.30, torna, infatti, l’appuntamento mensile promosso dal c.s.o.a. “A. Cartella”, dal Gruppo d’Acquisto Solidale “Felce e Mirtillo” e da “EquoSud - Autoproduzioni”.

Un’importante occasione per favorire l’incontro diretto tra produttori e consumatori, per rafforzare la fiducia reciproca, per realizzare il vantaggio di un prezzo più basso paragonato alla qualità del prodotto. Per un’economia nuova, fondata su sobrietà, equità, sostenibilità, solidarietà.

Verdure, formaggi, olio, vino, prodotti trasformati e confetture, ma anche saponi e rimedi naturali, manufatti e lavori artigianali, vintage e prodotti riciclati: tutto per addolcire il palato o per dare un po' di sollievo alle nostre tasche, così martoriate dal costante aumento dei prezzi.

Per dimostrare concretamente che è possibile vivere in questa società senza dover sottostare alle logiche del consumismo e del qualunquismo.