Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F63-ricostruiamo-il-cartella%2Fmessaggi-di-solidarieta%2F774-dalla-rete-no-pontecomunita-dello-stretto%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Maggio
22
2012

Dalla Rete No Ponte/Comunità dello Stretto

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

La Rete No Ponte/Comunità dello Stretto esprime tutta la propria solidarietà ai militanti e agli attivisti del noto centro sociale A. Cartella, spazio occupato da lungo tempo e che è stato fino ad oggi sicuramente il luogo di produzione culturale e politica più interessante della città di Reggio Calabria. La barbarie neofascista deve essere messa al bando. Non solo per ciò che fa, ma per ciò che evoca. L’incendio provocato stanotte è un chiaro segno a tutti coloro i quali pensano che “anche coi fascisti si può e si deve dialogare” e che non si possa per nessun motivo vietare la riorganizzazione associativa di forze che si rifanno a questo triste passato. No. L’incendio di stanotte dimostra, come se ce ne fosse bisogno, la natura violenta e meschina di questi movimenti che vanno fermati prima che facciano altri danni alla nostra società, già abbastanza in crisi per potersi permettere anche i fascisti tra i piedi. O fascismo o democrazia. Non è possibile pensare che le due cose si combinino e possano stare insieme. I fascisti e i neonazisti sono un pericolo per tutti noi. Bisogna combatterli e neutralizzarli. Lasciare questo gesto nel suo isolamento, senza inquadrarlo nella questione della riorganizzazione delle forze neofasciste in Italia, è un atto di legittimazione. Bisogna che da Reggio parta un coro di indignazione e che, insieme a tutti gli altri fatti accaduti in questi anni, si arrivi alla chiusura di quelle organizzazioni nelle quali si coltiva ancora oggi la violenza fascista.
Rete No Ponte/Comunità dello Stretto