Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F63-ricostruiamo-il-cartella%2Fmessaggi-di-solidarieta%2F785-dal-coordinamento-nazionale-giovani-comunistei%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Maggio
22
2012

Dal Coordinamento Nazionale Giovani Comuniste/i

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

“Nella notte, i fascisti hanno dato fuoco al CSOA Cartella di Reggio Calabria. Sono state rinvenute sulle pareti della struttura svastiche e croci celtiche. Qualche giorno fa (7 maggio), esponenti del gruppo TemerariaMente (guidato da Domenico Pardo), affiliato a Casapound, avevano tenuto un’iniziativa in Comune sulla concessione di “spazi non conformi” ai fascisti del III millennio, alla presenza dell’Assessore all’ambiente ed alle pari opportunità, Tilde Minasi, e di Simone di Stefano, di CPI. Eccone i risultati!

I Giovani Comunisti esprimono la propria solidarietà ai compagni del CSOA Cartella di Reggio Calabria. Ci attiveremo nei prossimi giorni per presentare nel prossimo consiglio comunale il nostro ordine del giorno, che riafferma i valori repubblicani a fondamento della nostra democrazia.

I gruppi fascisti vanno disciolti, in base alla XII Disposizione transitoria e definitva della Carta Costituzionale (apologia di fascismo), alla Legge Scelba del 1952 (discioglimento organizzazioni neofasciste) e della Legge Mancino (reato di razzismo). La destra istituzionale, che fa della legalità la propria bandiera, deve rispettare la legge!

Denunceremo le connivenze fra esponenti della giunta e gruppi eversivi, come nel caso dell’assessore Minasi, chiedendo al sindaco, Demetrio Arena, ed alla sua giunta di prestare nuovo giuramento sulla Costituzione antifascista e di allontanare qualsiasi amministratore che fiancheggi il neofascismo.

Quanto alla mobilitazione, come già accade da tempo, i GC metteranno a disposizione fino all’ultimo militante per sostenere la lotta contro il fascismo, in strada e nelle istituzioni. In questo Paese, dobbiamo costruire, dalle Alpi al Mezzogiorno, un nuovo 25 aprile.”