Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F63-ricostruiamo-il-cartella%2Fmessaggi-di-solidarieta%2F788-dagli-studenti-reggini-fuorisede%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Maggio
22
2012

Dagli studenti reggini fuorisede

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

"Il Csoa Cartella brucia, ma non si spegne!" - Lettera aperta degli Studenti Reggini Fuorisede

Siamo un gruppo di ragazzi e ragazze nati e cresciuti a Reggio Calabria, e ci troviamo, per motivi di studio o anche di lavoro, lontani da casa, sparsi in tutta Italia ma col cuore nella nostra terra.

Infatti non per questo ci vogliamo disinteressare di ciò che succede nella nostra città. Apprendiamo infatti oggi dai giornali dell'incendio doloso che ha colpito il CSOA Angelina Cartella, tra le rare realtà cittadine di aggregazione politica e culturale. Crediamo che un'intimidazione così vile e violenta sia un fatto gravissimo soprattuto perchè, come documentato dalle tante foto, si possono rinvenire chiari simboli fascisti.

In un contesto in cui la destra neonazista torna ad avanzare in Europa (Ungheria, Grecia, Finlandia), ed in una città da sempre afflitta dal virus della cultura fascistoide, l'incendio doloso appiccato al Centro Sociale Cartella è un'intimidazione che non suona sfortunatamente nuova, ma che anzi si inscrive nel peggior solco della "tradizione" cittadina: proprio una realtà che, pur con difficoltà ed inevitabili contraddizioni, operava ogni giorno per una migliore qualità della vita di tutti e contro la 'ndrangheta, viene colpita dai fascisti.

Constatiamo con rabbia la continuità tra la simbologia degli incendiari e la retorica di chi ha indossato giacca e cravatta ed oggi siede nelle istituzioni: basti leggere le dichiarazioni dell' Assessore Minasi su una possibile assegnazione di uno spazio cittadino a Casa Pound; o magari ricordare di quando un busto di Benito Mussolini fu collocato in una sala del Palazzo della Provincia in Comune; o, ancora, pensare a come sia stata offesa l'Arena dello Stretto, intitolata dall'impresentabile Giuseppe Scopelliti a Ciccio Franco, responsabile negli anni della Rivolta di accordi ormai documentati con le 'ndrine (F. Cuzzola, "Cinque anarchici del Sud").

Tutto questo avviene in una città narcotizzata per anni da notti bianche costotissime ed eventi spesso dal dubbio valore culturale, mentre venivano abbandonati al degrado interi quartieri e prediletti il malaffare ed il clientelismo per la gestione dei servizi pubblici locali. In una città dove la gente onesta, come oneste sono le persone che animano il CSOA Cartella, si sente sola; dove una gestione alquanto particolare della pubblica amministrazione ha creato buchi di bilancio esorbitanti.

Per questi motivi ci sentiamo di esprimere piena solidarietà al Cartella e invitiamo questa bella realtà a non mollarre consci della forza che da sempre li contraddistingue.

Infine vorremmo invitare la cittadinanza ad aprire gli occhi e a liberarsi dalla condizione di schiavitù e miseria - politica, economica, culturale - cui il ceto politico e il ceto criminale la stanno costringendo.

Noi ci troviamo a formarci e a lavorare lontano da Reggio anche per questo, perchè tanti di noi sperano di poter essere utili alla propria terra un domani.

Gli Studenti Reggini Fuorisede