• Il sito del Coordinamento calabrese Acqua Pubblica "Bruno Arcuri"
  • Boicottiamo Israele!

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F113-primapagina%2F1370-15-anni-di-occupazione-15-anni-di-resistenza%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Aprile
20
2017

Il 25 aprile al centro sociale “Angelina Cartella”

Scritto da Super User

 

Il 25 aprile al centro sociale “Angelina Cartella”

Anche quest’anno il ricordo della resistenza e della liberazione dal nazifascismo lo leghiamo, nel nostro piccolo, alla ricorrenza del 15° anno di esistenza dell’esperienza del Centro Sociale Occupato e Autogestito “Angelina Cartella”. Perché siamo ancora qui, nonostante minacce, furti, attentati incendiari vari, di cui l’ultimo disastroso. Per noi, ricorrenze di questo tipo, non devono e non possono avere il carattere episodico e rituale dell’unica giornata di ricordo, svuotata ormai di tutti i significati intrinseci e indossata solo un giorno l’anno come il vestito buono della domenica. Per noi resistenza vuol dire lottare ogni giorno contro chi calpesta arrogantemente i nostri diritti così come i nostri territori, contro le ingiustizie sociali, i sessismi, i razzismi, le discriminazioni, contro chi avvelena la nostra vita così come la nostra terra. Per la solidarietà internazionale e l’accoglienza; contro la tendenza alla sopraffazione del più forte, nelle relazioni umane così come tra Paesi e popoli; per un lavoro pulito e dignitoso, al contrario di un lavoro che non c’è, ma continua a seminare morti. Per non dover dire un’altra volta “una mattina mi son svegliato….” perché nel mentre vogliamo essere già lì. Così come, per tutte e tutti noi, l’8 Marzo non è stata una festa fatta di pizzerie e streep maschili, ma la giornata che ha rilanciato in avanti la lotta delle donne contro la soggezione patriarcale e il suo sistema di violenze, una  lotta per una relazione paritaria tra tutti i generi, in un percorso collettivo di autodeterminazione e di liberazione, riesplosa con forza, a livello mondiale, col Movimento nazionale NonUnaDiMeno. Questo 25 Aprile, voluto e costruito insieme al comitato NonUnaDiMeno di Reggio Calabria, assume per tutte e tutti  un impegno verso

UN CAMMINO di LIBERTA’ E RESISTENZA  contro le logiche di sfruttamento e dominio tra esseri umani e sulla natura di tutte le donne resistenti del mondo, con uno sguardo particolare a quello che, percorrendolo, ci indicano le militanti e le combattenti curde, perno di quel più grande processo che è il Confederalismo Democratico.

UN CAMMINO di LIBERTA’ E RESISTENZA  contro violenze  e  femminicidi,  figli di una cultura patriarcale misogina e sessista a cui opporci  con tutte le nostre forze.  Contro ogni tentativo di ridurre le donne a mere macchine da riproduzione, per una maggiore informazione e formazione sulla contraccezione e le malattie sessualmente trasmissibili, contro l’obiezione di coscienza che ha svuotato la legge 194 di significato e per il diritto all’aborto libero.

UN CAMMINO di LIBERTA’ E RESISTENZA per resistere al ricatto della precarietà; per un totale rifiuto al “Decreto Orlando- Minniti” che istituisce tribunali speciali, punta a riaprire in ogni regione i CIE dove rinchiudere chi invece scappa da guerre e devastazioni di ogni tipo; per essere libere e liberi da guerre e schiavitù, sfruttamenti, colonialismi e fondamentalismi. 

Ed è di tutto questo e delle mille resistenze di ieri e di oggi, proiettate su quelle di domani, accompagnati dall'apertura alle ore 16 delle nostre mostre sulle lotte più datate (per conservarne memoria e insegnamenti) come su quelle attuali, entrando nel vivo dell'evento dalle ore 17,00, attraverso testimonianze, letture e "U cantu e Cuntu" della cantastorie  calabrese Francesca Prestia che, con il Comitato NonUnaDiMeno RC, il CSC Nuvola Rossa ed i contributi di altre associazioni e comitati, vi vogliamo parlare trascorrendo insieme questo 25 aprile. Chiuderemo la serata alle 21 con una cena sociale. Vi aspettiamo !!

L’impegno di ogni giorno è il solo modo di costruire una società più giusta e ridare dignità ad una Liberazione spesso tradita e ad una Resistenza svuotata e ridotta ormai solo ad orpello.

Ora e sempre RESISTENZA!

CSOA “Angelina Cartella”

NonUnaDiMeno RC

CSC “Nuvola Rossa”