• Il sito del Coordinamento calabrese Acqua Pubblica "Bruno Arcuri"
  • Boicottiamo Israele!

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F113-primapagina%2F1383-venerdi-25-agosto-giornada-dedicata-alla-guyana-francese%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Agosto
16
2017

Venerdi 25 agosto giornada dedicata alla Guyana Francese

Scritto da Super User

 

La Guyana Francese è un paese di cui non si sente mai parlare.


A qualcuno potrebbe solleticare l'orecchio nel caso avesse letto il libro "Papillon" di Henri Charrière o visto il film interpretato da Steve McQueen e Dustin Hoffman. E, in effetti, solamente la storia della terribile colonia penale, dovrebbe dare adito a molti ragionamenti sui fondamenti e sulla storia della democrazia francese e europea in generale.
Ma questa è solo una brutta eredità storica che si porta dietro la Guyana Francese e che molto probabilmente ne ha caratterizzato lo sviluppo sociale e culturale, come capita spesso nei paesi con un passato violento.
In realtà oggi ci si aspetterebbe che la Guyana fosse per lo meno citata frequentemente nei notiziari europei e mondiali per il semplice fatto che ospita la sola e unica Base Spaziale Europea. Ciò significa che la maggior parte della tecnologia satellitare che fa funzionare l'Europa, compreso il social su cui sto scrivendo, esiste perchè dalla Guyana partono i nostri satelliti. Negli ultimi anni anche gran parte dei satelliti di paesi extra-europei.
Ma se la Guyana venisse citata, forse alcune domande sorgerebbero spontanee nella testa di molti:
- perchè esiste ancora un territorio francese (e quindi europeo) in mezzo al Sudamerica?
- esistono anche altri territori francesi lontani dall'Europa oltre alla Guyana?
- come vengono amministrati paesi che devono sottostare a leggi, burocrazia e ragionamenti generati a Parigi, ma si trovano in regioni ben diverse da quelle dell'Esagono, come viene definita la Francia (europea)?
- ma gli abitanti della Guyana sono francesi o sudamericani?
- ma la base spaziale l'hanno voluta o gli è stata imposta?
- e quali sono le conseguenze al giorno d'oggi?
Esistono poi altri motivi per cui bisognerebbe parlare più spesso della Guyana (e degli altri territori d'oltre mare francesi). Ad esempio per l'enorme ricchezza di questi posti: oro, petrolio, materie prime, riserve naturali e faunistiche che nessun altro paese europeo possiede.
All'inizio del 2017 uno sciopero generale ha bloccato la Guyana Francese per un mese e mezzo, compresa la base spaziale. Questa è una notizia che doveva essere urlata in ogni notiziario europeo, se non per solidarietà verso il popolo Guyanese, almeno per il fatto che un'enormità di soldi pubblici sono il fondamento della base spaziale.
I guyanesi in fondo non chiedevano nemmeno l'indipendenza. Molto semplicemente dicevano che, se il loro paese è una regione francese (in cui si pagano tasse come in costa azzurra e i prezzi dei beni di prima necessità sono almeno il doppio che in Francia) i servizi e le infrastrutture devono esserne all'altezza.
La protesta è nata poco prima del rush finale delle elezioni presidenziali francesi. Ovviamente la preoccupazione delle istituzioni francesi era enorme eppure, nell'era dell'informazione globalizzata, sono riusciti a far passare tutto in sordina. I ministri dell'allora presidente Hollande e via via tutti i candidati alle presidenziali hanno speso molte parole per far capire quanto ci tenessero alla Guyana, ma i tentativi erano quasi sempre goffi (Macron ha addirittura parlato della Guyana riferendosi ad un'isola, dimostrando quanto poco ne sapesse). Infine la protesta è stata messa a tacere con la promessa di far piovere molti soldi indirizzati a infrastrutture e servizi.
Jean Michel CHONG A THUNG (AKA Abdul LeBidoul) è un noto dj, produttore ed organizzatore di eventi culturali in Guyana Francese. Parte attiva durante la protesta e componente del comitato che si è instituito al termine per seguire il percorso di questi fantomatici soldi.
Arriverà in agosto in Calabria spinto dall'amicizia che lo lega a Valentina: il disco "Respect The Ladies" di Valentina è stato realizzato in Guyana Francese grazie alla coproduzione dell'etichetta discografica Atipa Record di cui Abdul è uno dei fondatori.
Il 25 agosto Abdul sarà al pomeriggio ai piatti per accompagnare un contest di breakdance dei ragazzi del Centro Sociale, in seguito ci guiderà in un dibattito sulla Guyana Francese e dopo cena sarà il DJ per uno showcase di Valentina.

Categorie
Tags
no global