Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F112-mediateca%2Ffoto%2F380-a-volte-ritornano%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Novembre
08
2009

A volte ritornano!

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

Ogni tanto bisogna pur far vedere di esistere, di avere qualcosa da dire! E allora che si fa? Ci si nasconde in qualche posto per non farsi vedere, si aspetta che lo spazio da catechizzare sia libero e poi via a darci di buona lena con le bombolette!

E così, mentre eravamo insieme ad altri -per fortuna tanti- a Villa San Giovanni per confrontarci sulle prossime iniziative da mettere in piedi in vista della manifestazione No Ponte del 19 dicembre, i soliti imbrattini armati di bombolette e tanta fantasia si sono dati da fare per abbellire lo spazio del Cartella! E via così a svastiche, celtiche, inni al Dux nonché apprezzamenti di varia natura artisticamente vergati su muri e porte.

Ma è il grande murales del nostro Che o la stella rossa del nostro logo a dare tanto fastidio a chi, per dare un po’ di visibilità al niente che rappresenta, ricorre a qualche simbolo di hitleriana memoria e a qualche frase sgrammaticata? Oppure sono le tante iniziative culturali che organizziamo, il nostro essere in prima linea in tutte le battaglie per la difesa della nostra terra, per la qualità dell'ambiente, per la sostenibilità, per l'acqua pubblica diritto di tutti, per la valorizzazione del lavoro dei nostri contadini e artigiani tradizionali, per la riscoperta dei sapori e dei saperi cancellati dalla grande distribuzione, per i diritti dei migranti?

Se qualcuno pensa che ci possa distogliere da questi impegni danneggiando le strutture del centro sociale si sbaglia di grosso. Certo, dopo i tre attentati incendiari subiti e le diverse “iniziative”del genere, avrebbero dovuto già capire che questa non è la maniera migliore per farlo. Ma forse non sono ancora arrivati a capirlo, o forse il clima di storica impunità che caratterizza queste “manifestazioni” è comunque uno stimolo per continuare.

Noi continuiamo il nostro impegno, invitando tutte e tutti a sostenere la costruzione della manifestazione del 19 dicembre, contro le devastazioni ambientali e per un futuro dignitoso per questa terra.

dann_20091108
dann_20091108 dann_20091108
dann_20091108
dann_20091108 dann_20091108
dann_20091108
dann_20091108 dann_20091108
dann_20091108
dann_20091108 dann_20091108
dann_20091108
dann_20091108 dann_20091108
dann_20091108
dann_20091108 dann_20091108
dann_20091108
dann_20091108 dann_20091108