Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fcsoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F108-comunicati%2Fterritorio%2Fno-ponte%2F393-il-23-dicembre-e-una-giornata-storica%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Dicembre
22
2009

Il 23 dicembre è una giornata storica!

Scritto da Rete No Ponte

Lo proclama in grande stile il Ministro Matteoli.
Ed infatti è così, ma non tanto per la fantomatica prima pietra del Ponte che, nonostante tutti gli annunci in pompa magna, non si può proprio “posare”: non solo manca, come ben noto, il progetto esecutivo del Ponte, ma manca anche quello della Variante di Cannitello.
L’11 dicembre è stata aperta una nuova procedura di VIA, e il nuovo progetto è attualmente sottoposto a verifica di ottemperanza delle prescrizioni Cipe: non si può né mettere né tantomeno togliere una pietra fino al 10 febbraio. Questo lo dovrebbe sapere il Ministro, la Stretto di Messina s.p.a. e tutti quei dottoroni che straparlano di sviluppo senza specificare che a beneficiare di questo “sviluppo” sarebbero solo la Stretto di Messina s.p.a. con la sua mandria di consulenti, l’Impregilo e le mafie calabrese e siciliana.

Il 23 dicembre è però una giornata maledettamente importante per noi: alle 16 si terranno a Badolato Marina i funerali di Franco Nisticò, il compagno morto sul palco di Cannitello, vittima della campagna di criminalizzazione che hanno costruito attorno al nostro movimento e di una gestione militarista della piazza tesa solo a reprimere. Eppure sono anni che il movimento No Ponte organizza manifestazioni e iniziative nell’area dello Stretto, cortei, campeggi, concerti: anni in cui si è sempre dimostrato, iniziativa dopo iniziativa, la natura pacifica quanto determinata del movimento e, soprattutto, il suo grande senso di responsabilità. Proprio come sabato 19 dicembre a Cannitello.

Lo abbiamo detto in tutti i modi e lo ribadiamo ancora una volta: quello che è successo il 19 dicembre è di una pericolosità inaudita! Un corteo pacifico, colorato, festoso come è sempre stato e come si sapeva bene sarebbe stato, costretto però a sfilare in una città militarizzata, con mimetiche di ogni tipo, blindati, motovedette, elicotteri, magari anche qualche sottomarino nascosto: si temevano scontri e devastazioni! Eppure il corteo scorre tranquillo e si arriva in piazza a Cannitello dov’è allestito il palco: tra gli arrivi dei numerosi spezzoni e l’attesa per gli “Artisti contro il Ponte”, iniziano a susseguirsi i vari interventi, fino all’accorato appello di Franco Nisticò, un appello all’unità, un appello all’impegno comune, tutti insieme, giovani ed anziani, per ridare fiato e prospettive alla lotta, per aprire un cammino nuovo per questa terra sistematicamente violentata. Poi la tragedia, Franco si accascia colpito da un malore, lo Sciamano dal palco, pronto ad aprire il pomeriggio di musica e spettacolo, richiede ripetutamente dal microfono l’intervento di medici, si inizia il massaggio cardiaco, si pratica la respirazione bocca a bocca, ma non c’è l’ambulanza invocata da tutti, né gli strumenti per supportare lo sforzo dei medici! Ci sono manganelli, scudi, blindati, motovedette, elicotteri, tutte le divise, ma non c’è un’ambulanza… Franco viene trasportato in ospedale con un mezzo della polizia tra l’indignazione della piazza che ha assistito alla tragedia, vedendo l’inadeguatezza di chi doveva garantire “l’ordine e la sicurezza”: ma se davvero ci fossero stati scontri come qualcuno si aspettava – o ci sperava – che cosa sarebbe successo con tutti quei manganelli e senza neanche un’ambulanza?

Qualcuno ha definito Franco Nisticò la prima vittima del Ponte. Forse lo è, forse non lo è, considerando le vittime della grande guerra di ‘ndrangheta reggina che la DDA collega proprio agli appetiti riguardo i miliardi del Ponte. Sicuramente Franco è vittima di un sistema repressivo che ci vorrebbe precari, flessibili, inquinati, silenti nel vedere svendere la nostra terra o la nostra acqua, vittima di quelle istituzioni che oggi si palleggiano vergognosamente le responsabilità. L’appello di Franco, le sue parole comunque ricche di speranza e di fiducia nel popolo calabrese, rimbombano ancora nelle nostre orecchie e quell’appello vogliamo raccogliere, perché soltanto lottando tutti insieme possiamo dare dignità e futuro a questa terra; lo faremo a cominciare dal 23 dicembre giorno in cui saremo tutti a Badolato a salutare Franco come avrebbe voluto, col pugno chiuso alzato e la bandiera rossa listata a lutto.

Solo la lotta porta risultati! Ciao Franco! Alla lotta!